Luna Piena della Scrofa: 12 marzo 2017


La Luna Piena di Marzo 2017 si inserisce in un quadro astrologico particolare: ci lasciamo alle spalle un mese lunare intenso, caratterizzato da eclissi che anticipano quello che ci attenderà la prossima estate quando, ad agosto, saremo spettatori di una potente eclisse solare nel maestoso segno del Leone.

Siamo in una fase di preparazione che coinvolge tutti noi e che modifica, a seconda della sensibilità, anche gli equilibri personali: se sul piano collettivo ci sentiamo seduti su una polveriera, a livello personale sentiamo che è giunto il momento di fare i conti con alcune pesantezze della nostra vita.
Ed è questo momento di bilancio che dà il nome all’evento astrologico del mese: questa Luna Piena, infatti, è la Luna del Vento, Luna del Corvo e, tornando con la memoria alla tradizione celtica, è associata alla Cinghialessa e alla Scrofa, entrambi simboli carichi di condanna morale, ma al tempo stesso veicolo del potere notturno della Dea per chiunque voglia rischiare di avventurarsi in un Sentiero vecchio come il mondo.

Il segno della Vergine, in cui la Luna Piena splende questo mese, è depositario di caratteristiche di luce e redenzione, e si trova quindi a fianco del simbolo opposto, quello della Scrofa e Cinghialessa selvaggia.
Il segno della Vergine è senza ombra di dubbio uno dei segni più fraintesi e bistrattati dell’intero Zodiaco al quale sono connesse delle caratteristiche solo di mantenimento dello status quo.
Ci si dimentica, o alcune volte lo si ignora proprio, che la Luna Vergine è una Luna mercuriale (la Vergine è governata da Mercurio) ed è vicina ad Hermes/Thoth e quindi alla funzione di scriba divino: è una Luna ermetica, abile nella discriminazione e nell’ordine, straordinariamente capace di dare forma a ciò che riceve dal mondo senza forma ben rappresentato dal segno opposto, i Pesci. E questo, con questa Luna, riguarderà soprattutto il mondo degli impulsi profondi. E’ chiaro che in questa fase di discriminazione è necessaria anche una valuazione, ma non in senso morale, bensì tesa al raggiungimento di un equilibrio più ampio.

Questa è una Luna Piena anche di autonomia del Femminile (del mondo emotivo) e soprattutto della funzione immaginativa ed immaginale di ogni essere umano. E’ con la Vergine che ci lasciamo alle spalle i cinque segni dello Zodiaco collegati al mondo interiore che portano in gestazione l’Io e ci avviamo all’incontro con l’Altro sulla soglia della Bilancia. La Vergine, prima di ricevere delle distorte connotazioni di ordine sessuale repressive di cui ho fatto cenno parlando della Scrofa, era colei che era Bastava a se stessa, integra e quindi Libera di disporre di sè.

Libera dal passato, dalle aspettative, dall’urgenza dei bisogni altrui a discapito dei propri. Una descrizione questa del segno della Vergine ben lontano da quello a cui tutti siamo abituati. Questa Luna Piena è quindi, in potenza, portatrice di questa libertà basata sulla capacità di distinguere il personale dal collettivo che però deve passare da una revisione personale in modo da poter distinguere i passi appropriati.

Il cielo della Luna Piena: uno sguardo astrologico

È una benedizione questa lieve brezza | che soffia dai campi verdi e dalle nuvole | e dal cielo: mi batte sulla guancia | quasi consapevole della gioia che dà. | Benvenuta messaggera, benvenuta amica, | ti saluta un prigioniero che esce da una casa | servile, affrancato dalle mura di codesta città, | un carcere che a lungo l’ha serrato. | Ora sono libero, emancipato, all’aria aperta, | posso prendere casa dove mi piace.

(William Wordsworth, Luna natale nella 3a dec. Vergine)

Cielo della Luna Piena

Chiaramente, come per qualsiasi transito, anche il momento della Luna Piena va inserito all’interno del quadro astrologico personale, ovvero all’interno del proprio tema natale. Il quadro che vado a delineare è solo l’istantanea del momento della perfetta oppozione tra Sole e Luna che, per questo mese, avverrà alle 15:54 del 12 marzo 2017.

La Luna Piena si formerà a 22 gradi e 13’ del segno della Vergine, opposta al Sole in Pesci congiunto a Chirone e in larga quadratura a Saturno strettamente congiunto al Centro Galattico. Questa Croce a T parla della funzione principale della Luna Piena della Scrofa di quest’anno, che è quello appunto connesso alla guarigione, a patto che siamo capaci di ascoltarci e di prenderci cura prima di tutto di noi stessi, senza metterci in secondo piano rispetto ad altro, dato che delle volte il sacrificio che si fa per gli altri è solo un modo per fuggire la piena Responsabilità della propria Vita.

La pienezza della Vergine parla dell‘integrità che dobbiamo raggiungere, anche considerando i diversi aspetti della nostra personalità, cominciando a prendere nuovamente in considerazione anche quelli che, socialmente, riteniamo non adattabili.

Vajravarahi

Il simbolo della Scrofa è antico e sarebbe riduttivo cercare di tracciarne tutte le caratteristiche in un articolo, ma basti notare come il simbolo è apparentemente in antitesi con quanto si trova racchiuso nel segno della Vergine. Simboli questi che veicolano tutti, in un modo o nell’altro, le sensazioni sottili che proviamo di fronte a questa soglia stagionale rappresentata da questa Luna. Saturno è un pianeta che aiuta questa Luna proprio in questo senso, dando un significato più alto al momento non proprio semplice che si può vivere in questo momento. 

Venere retrograda nel segno dell’Ariete, come ho già spiegato in un articolo precedente, è un costante invito ad attuare una revisione dei propri schemi relazionali, controllando soprattutto le situazioni in cui, cercando di riparare antiche ferite d’amore, lasciamo agire degli schemi reattivi ed infantili che non fanno altro che allontanarci dagli altri.

La purificazione che questa Luna vuole non è altro, infatti, che la disposizione all’osservazione anche delle zone più vulnerabili al fine di trovare un balsamo che allevierà la sofferenza.

Saturno fa spesso rima con repressione, ma questo è solo uno dei volti del simbolo dato che esso è anche veicolo della funzione di Regola delle Antenate e, nella sua veste al femminile, ci porta a contatto con la saggezza della Chrone, la vecchia strega.

Il quadro d’insieme è direzionato verso grandi possibilità, ma alcuni aspetti critici lasciano intravedere anche le difficoltà di questo momento: c’è grande reattività, ma questo avviene in tutti i momenti di svolta dato che il cambiamento porta con sè sempre un iniziale disequilibrio. La congiunzione tra Urano ed Eris nel segno dell’Ariete, opposta a Giove in Bilancia, mostra che nelle prossime due settimane non sarà facile comunicare e questo è dovuto al fatto che molto scorrerà sotto-pelle, nell’inconscio, e avrà la forma dell’emozione e non del ragionamento; le emozioni sono sorde ma fisse come un piccolo tarlo. Sarà utile soprattutto ragionare su quali risentimenti ci portiamo dietro e su quanto questi non ci permettano di andare avanti.

Il doppio quinconce che unisce Luna-Urano da una parte e Giove-Sole dall’altra, tra loro in opposizione, danno vita ad una configurazione planetaria di stallo che, secondo i coniugi Huber, palesa una situazione di tensione sotterranea che ha bisogno di qualche evento scatenante per vedere la luce. Questa configurazione, chiamata “La Tavola”, è riferita allo strumento di tortura usato dall’inquisizione che ben fotografa la tensione immobile che è possibile percepire in questo momento.

Scrivono gli Huber, nel loro testo “Aspect Pattern Astrology” che questa configurazione:

“richiede che la tensione interiore venga utilizzata come impulso per lo sviluppo personale, non affidandosi solo all’intervento di altre persone.”.

E questa dinamica parla proprio dell‘autonomia che questa Luna Piena in Vergine, per chi non si lascerà spaventare dalla potenza delle emozioni, permetterà di sviluppare.

Luna/Urano inseriscono l’evento potenziale di rottura che nelle prossime due settimane potrebbe accadere, soprattutto nella vita di chi si sente in scacco e sta attendendo un cambiamento rivoluzionario. In questo momento è possibile lavorare sui traumi dell’infanzia proprio perchè la presenza di Chirone nella dinamica parla di una guarigione in seguito alla consapevolezza.

Guarigione che non significa dimenticare, ma passare oltre.

Ed è da questa maggiore consapevolezza che sarà possibile convincersi della propria forza interiore.


Se sei curiosa/o di vedere cosa sta accadendo in cielo in questo momento per il tuo segno dai un’occhiata al mio Oroscopo del Mese, QUI.

 

 


Lascia un commento