immaginale-astrologia

Immaginale e Astrologia

L’Astrologia è una materia complessa. Essa è una delle tre Arti che la Tradizione esoterica riteneva (e ritiene tuttora, laddove ancora vive) necessaria per procedere in maniera completa sul sentiero iniziatico. Questi sono concetti che, per noi moderni cresciuti credendo solo a quello che la Scienza di turno legittima come “reale”, appaiono lontani e frutto di una primitiva superstizione. In fondo chi di noi non ha deriso almeno una volta chi legge gli oroscopi presenti su tutte le riviste e in tutti i giornali. Io, ve lo confesso, l’ho fatto per lungo tempo.

L’Astrologia è difficile da afferrare per una serie di motivi che non riguardando soltanto il calcolo del tema di nascita, ovvero la mappa precisa del cielo astrologico al momento della nascita. Infatti, come ben sanno tutti gli appassionati della materia, oggi è possibile ottenere velocemente la propria carta natale on-line (come ad esempio qui) e leggere un approssimativo profilo astrologico senza necessità di relazione tra consultante e astrologo. In pochi passaggi è possibile conoscere la posizione dei pianeti rispetto sull’eclittica zodiacale e vedere il grafico del momento della propria nascita.

Tema natale di James Hillman (Fonte: Tarnas)
Tema natale di James Hillman (Fonte: Tarnas)

Ed è qui che si apre il divario tra quella che sarà una descrizione sommaria, magari computerizzata, calibrata sulla descrizione manualistica degli aspetti tra i pianeti e di altri elementi di interpretazione, e quella più ragionata, e se vogliamo ispirata, legata indissolubilmente all’incontro tra chi chiede una interpretazione e chi la fornisce.
Sebbene siano necessari entrambi questi due elementi (sia la descrizione “da manuale” che quella basata sull’esperienza e sul dialogo tra le parti), la difficoltà è legata al momento della loro fusione, cercando di far emergere la migliore lettura dei Simboli astrologici personali, basata sulla riflessione e meditazione sugli stessi. 

Considerando il tema natale una mappa simbolica della psiche della persona, sarà necessario padroneggiare quei simboli e vedere di cosa essi sono Immagine.

L’astrologia è superstizione?

L’unica cosa di cui possiamo essere certi è che in un certo momento siamo nati.
Siamo venuti al mondo provenendo dall’Indefinito ed è verso lo stesso Indefinito, che ha molti nomi, che ci avviamo.

Sicuramente in alcuni casi l’Astrologia rappresenta una superstizione, soprattutto laddove la previsione astrologica viene usata per trovare delle scuse al proprio malessere, lasciandolo inalterato. La maggior parte delle volte l’avvicinamento e l’interesse per l’astrologia si fermano a questo livello, ovvero alla lettura delle previsioni e alla ricerca di un senso superficiale e deresponsabilizzante di quello che accade nella propria vita. E sia chiaro, questo non è di per sé negativo: c’è così tanta seriosità nella vita quotidiana che il bisogno di alleggerirla, anche attraverso un gioco che si crea tra astrologi e lettori, non è un male. Anzi.

Ma questo è solo l’inizio del Viaggio.

C’è un altro modo di intendere l’intera questione: l’Astrologia, rispondendo ad un bisogno di profondità e trascendenza nascoste dietro alle domande del consultante, diviene uno strumento di indagine personale parallelo alla razionalità e che, nutrendosi delle immagini presenti nella psiche umana, ha la potenzialità di dare un nuovo senso alle esperienze.

Noi esseri umani abbiamo un bisogno immenso di trovare un Senso in mezzo a quello che apparentemente sembra un caos ed è attraverso l’uso della parola e delle immagini che questo trova la sua massima manifestazione. Ma attenzione: il Senso non è solo quello che la mente, abituata a ragionare aderendo ad principio di coerenza, individua. Il Senso è ciò che emerge quando la Mente, l’Anima e il Corpo trovano un accordo armonioso sulla Percezione del Mondo, sia interiore che esteriore. Emerge ogni qual volta, ad esempio, una Crisi esistenziale si rivela decisiva per aprirsi ad un nuovo modo di vivere, più ampio e più naturale.

Ciò che lega le esperienze alla crescita e all’integrazione degli opposti è la capacità tutta umana (almeno, per quanto ci è dato sapere) di trasformale in poesia e in metafora. Pensate per un attimo ai sogni, specie a quelli che sono stati per voi più importanti. Non è forse vero che una certa lezione è arrivata nel momento in cui siete riusciti a decifrare quel particolare messaggio? Non vi è mai successo di restare sbigottiti di fronte alla poesia e alla potenza anche estetica del Sogno?

Dal momento in cui sentiamo di esistere, all’interno del grembo dell’Universo che prende forma attraverso nostra madre, iniziamo a dare forma all’Esperienza attraverso la Sensazione che solo in un secondo momento, molti mesi dopo, diventerà Pensiero.

Il primo impatto dell’esistenza è di Unione con l’Oscurità dell’Utero, in una Notte che per la Coscienza rappresenta il Tutto. Ed è in questa Notte che siamo immersi, in balia delle emozioni di nostra madre che rappresenta per noi il primo contatto con la Materia. In questa Notte che precede la nascita tutto è Segno: qualsiasi fluttuazione, dalla Gioia della Pienezza alla Paura del Vuoto, rappresenta il mondo dell’esperienza.
Il primo impatto con la vita è la matrice da cui tutto il resto prenderà forma, contrapponendo di volta in volta le polarità che daranno vita al mondo percepito.

L’uomo e la donna dell’antichità, con la loro sensibilità, trovandosi di fronte a misteri di vita e morte, non hanno potuto fare altro che rivolgersi al Simbolo per cercare di afferrare e dare sostanza a dei concetti che altrimenti erano, in quanto esperienza primitiva, inesprimibili. Ed è in questo clima che hanno visto la nascita materie simboliche come l’Astrologia, accogliendo nel corso dei secoli le domande umane e fornendo dei simboli attorno ai quali raccogliersi.

L’Astrologia, ma anche l’Arte in ogni sua espressione, è uno dei molti modi in cui il Simbolo trova posto e collocazione nella vita quotidiana: a seconda della cultura in cui il pensiero mitico si sviluppa abbiamo chiaramente una maggiore o minore accettazione dell’Irrazionale che, cacciato dal razionalismo illuministico, rientra dalla porta dell’Inconscio.

 

Lo studio dell’Astrologia nell’ottica Immaginale

“Ti ci vuole una preparazione, una formazione affinché tu possa aprire le orecchie e cominciare a udire in senso metaforico invece che in senso concreto. Freud e Jung sentirono entrambi che il fondamento del mito è nell’inconscio.
Chiunque scriva qualcosa di creativo sa che bisogna aprirsi, abbandonarsi e che il libro si costruisce in un dialogo interiore. In un certo senso diventiamo il veicolo di qualcosa che ci è donato dalle Muse o, nel linguaggio biblico, da “Dio”. (Joseph Campbell)

Accostarsi all’antica arte dell’Astrologia significa, un po’ alla volta, far caso a ciò che sembra paradossale ma che, nella sostanza, ha in sé una logica non afferrabile dalla mente razionale.

Significa addestrarsi a conoscere un metodo, quello astrologico, che permette di dare un ordine alle esperienze contenute nel mondo dell’inconscio e di dare voce alle Immagini.
E’ un Viaggio a tutti gli effetti e, come per tutti i viaggi, è necessario conoscere perfettamente non solo la mappa, ma anche il territorio che si andrà ad esplorare. Significa mettere da parte per qualche istante ciò che si pensa di sapere e seguire le impressioni, stimolate dai simboli, che emergono dal mare dell’Inconscio. Henry Corbin ha parlato del mundus imaginalis, descrivendolo appunto come zona intermedia tra Corpo e Spirito, tra Cielo e Terra, a cui è possibile accedere attraverso la pratica dell’imaginatio.

Seguire un simbolo non significa perdersi in pensieri senza nessuna aderenza con la Realtà, ma significa lasciarlo agire nel proprio mondo interiore e diventare testimoni dell’intero processo.

Per comprendere il Simbolo, che astrologicamente parlando è rappresentato da segni zodiacali e pianeti, è necessario addestrare quindi quella parte della nostra mente che noi occidentali siamo poco propensi ad utilizzare e che possiamo chiamare, debitori a James Hillman ed Henry Corbin, “Sensibilità immaginale”.

archetipi-astrologia-immaginale

Archetipo, astrologia e nuovo senso psicologico

Articolo apparso sulla rivista di psicologia junghiana “Il Minotauro – Problemi e ricerche di psicologia del profondo“,
Anno XXXVIII Vol. n. 2 – Dicembre 2011

 

“Solo attraverso il simbolo è possibile raggiungere ed esprimere l’inconscio. Per questo anche il processo di individuazione non può fare a meno del simbolo, in quanto il simbolo è da un lato l’espressione primitiva dell’inconscio, ma dall’altro è un’idea che corrisponde all’intuizione più profonda della coscienza.”(C.G. Jung)

Quando si parla o si scrive di astrologia al giorno d’oggi si corre sempre il rischio di venir emarginati o zittiti a priori, senza che venga data la possibilità di spiegarsi o dispiegare come questo strumento antico possa essere un mezzo ricchissimo di simboli codificati da millenni per l’esplorazione di sé. Per correttezza va chiarito che questa diffidenza è giustificata dal fatto che nella maggior parte dei casi, purtroppo, questa disciplina è stata usata e viene tuttora usata per scopi manipolatori e delle volte praticata da persone di scarsa o nessuna cultura che, sentenziando quasi sempre per proiezione, influiscono per suggestione sulle vite di chi le consulta. E’ doveroso quindi operare anche una distinzione, già messa in luce da Pico della Mirandola, tra astromanzia e astrologia. Spinti da questa naturale diffidenza si commette però, purtroppo, l’errore di fare di tutta l’erba un fascio e, bollando il tutto come “mera superstizione” o mantica, di rimuovere senza esplorare e conoscere. Esplorazione e conoscenza che non danno, comunque, alcuna certezza o verità assoluta su quello che dovrebbe essere il senso della vita, ma che permettono, forse, un approccio più sacrale ad essa.

Non è quindi un’eliminazione della sofferenza umana o un autoinganno ben intessuto, ma semmai è un arricchimento del vocabolario interiore al fine di descrivere esperienze comuni. Un modo per delimitare il cosmos che si dispiega attorno ad un nuovo centro (o axis mundi) separandolo e contrapponendolo al caos . Mi auguro di riuscire a trasmettere proprio questo nel prosieguo di questo articolo e di fornire un’altra chiave di lettura del fenomeno astrologico, che ha molto da spartire con la sorella Psicologia del Profondo (1).

E’ come se stessimo fra due universi infinitamente vasti: il cosmo del mondo esterno ancora parsimonioso nel rivelare i suoi molti segreti, e il microcosmo del mondo interiore della psiche, ugualmente possessivo nei confronti dei suoi misteri.” (Thomas Moore)

Il trattamento che è stato riservato all’Astrologia da parte della comunità scientifica è alla fine lo stesso trattamento che viene riservato ad ogni approccio non convenzionale, olistico se vogliamo, Psicoanalisi e Psicologia del Profondo incluse. L’Astrologia, non rispettando la logica falsificazionista popperiana, non solo non ha nel paradigma scientifico vigente diritto di esistere, ma deve anche essere contrastata con veemenza.

Parlando di Uomo, di Segni e di Simboli, l’Astrologia non è quantificabile ed oggettivizzabile e quindi non si presta a nessuna misurazione (nonostante i tentativi ci siano stati e continuino ad esserci: degni di nota sia il tentativo di Carl Gustav Jung sia quello di Michel Gauquelin).

Non è mia intenzione riportare in questo luogo una sterile diatriba che va avanti, per flussi e riflussi, da troppo tempo; mi preme però fare un cenno, appunto come testimonianza, all’emblematica reazione scomposta degli scientisti contro la materia astrologica, ovverosia al documento firmato nel 1975 da 186 “eminenti scienziati” (dei quali 18 premi Nobel, come hanno tenuto particolarmente a mettere in evidenza) reclutati per garantire l’infondatezza scientifica dell’Astrologia. Tentativo per altro assolutamente non originale, ricalcando alla fine le stesse argomentazioni già trattate da Sesto Empirico nel Quinto libro del “Contro i Matematici”. Già altri hanno replicato in maniera esaustiva in altre sedi (si veda ad esempio il capitolo a tal proposito di Paul K. Feyerabend nel suo “La scienza in una società libera”).

Quello che vorrei mettere in luce è che, a mio parere, il voler ricondurre tutto alla scienza come “banco di prova” è semplicemente un problema mal posto che, di conseguenza, non può dare origine ad alcuna risposta sensata: nessun astrologo onesto, che non stia in realtà cercando la benedizione dell’autorità o una giustificazione, sarebbe pronto a giurare che la materia astrologica sia Scienza o persegua gli scopi della scienza positivista, proprio perché le qualità che vengono “descritte” (e quindi non “misurate” e men che meno “riproducibili”) appartengono ad un altro piano di conoscenza (2).

Scrive a riguardo Patrice Guinard che:

il processo astrologico non cerca (…) di spiegare un fenomeno, né di interpretare dati, ma di comprendere una realtà sottostante, nella misura in cui fenomeni edati culturali trovano la loro origine nella psiche”.

E Roberto Sicuteri:

la lettura del grafico oroscopico (…) agisce in profondità soltanto attraverso il tempo e soltanto dopo ripetute interpretazioni ed elaborazioni dei simboli, in modo da suscitare le più profonde emozioni inconsce ed agganciare le formazioni archetipiche”.

E’ comprensibile, quindi, a questo punto il tentativo di tracciare un parallelo tra ciò che emerge da questa visione e il concetto di una sottostante struttura comune nella psiche e il concetto di Archetipo. Ed è appunto in quest’ottica che la questione astrologica andrebbe affrontata ed esplorata, al fine di rintracciare i punti di forza di questo antico tentativo umano di spiegare quello che accade alla nostra interiorità.

Dane Rudhyar si riferisce al tema natale, ovvero dell’istantanea planetaria al momento della nascita, come ad un mandala o yantra personale su cui l’individuo può concentrarsi per ragionare per Simboli. E’ chiaro che una meditazione di questo tipo non si esaurirà in una veloce consultazione da qualche esperto (anche se ciò può rappresentare un inizio) visto il valore polisenso del simbolo, e nemmeno nella ricerca delle cause della sofferenza esistenziale (fungendo quindi da mera rassicurazione) data la non linearità e causazione diretta, ma sarà piuttosto una meditazione a cui si ritornerà spesso approfondendo sempre di più le proprie riflessioni. Una sorta di disciplina alla focalizzazione, una gestazione dei simboli personali che porteranno all’emersione, se il lavoro è ben svolto, di un senso nuovo.

(Irene Zanier)

Riferimenti bibliografici

* L. Aurigemma: “Il risveglio della coscienza”, BollatiBoringhieri editore, Torino 2008

* T. Moore: “Pianetiinteriori – L’astrologia psicologica di Marsilio Ficino”, Moretti&Vitali Editori 2008

* F. Boll – C. Bezold – W.Gundel: “Storia dell’astrologia”,Universale Laterza, Bari 1979

* D. Rudhyar: “L’astrologia e la psiche moderna”, Astrolabio-Ubaldini editore, Roma 1992

* D. Rudhyar :“L’astrologia della personalità”, Astrolabio-Ubaldini editore, Roma 1986

* R. Sicuteri: “Astrologia e Mito”,Astrolabio-Ubaldini editore, Roma 1978

* S. Andreani : “Alchimia: per una semiologia del Sacro”, ERI, Torino 1976

* F. Capra :“Il punto di svolta”, Feltrinelli, Milano 1984

* H. Sasportas :“Gli dei del cambiamento”, Astrolabio-Ubaldini editore, Roma 2000

* P. Guinard :“Astrologia:il manifesto”, C.U.R.A. (Centre Universitaire de Recherche enAstrologie), 1993

* Paul K. Feyerabend: “La scienza in una società libera”, Feltrinelli, Milano 1981

(1) La tentazione iniziale di riferirmi solo alla Psicologia senza alcuna specifica è stata superata nel momento in cui mi sono trovata a pensare che questo termine è diventato troppo generico e quindi referente di niente in particolare, includendo appunto al suo interno anche branche molto distanti tra loro (come la Psicofisica, la neuropsicologia e tutte le discipline che si riferiscono alla psiche, ma di fatto eludendo il problema dell’Inconscio). Come scrive a ragione Dane Rudhyar, astrologo e compositore francese, “Non è possibile misurare quantitativamente l’amore, la risposta alla bellezza, il carattere di una persona, non senza rendere la persona simile ad un computer; e questo è quello che l’attuale scienza sta tentando di fare dell’individuo”.

(2) Piano di coscienza inteso in questa sede in senso epistemologico e non di “stato”

luna_dicembre_immaginale

Luna Piena della Quercia

La Luna Piena di questo mese anticipa il solstizio d’inverno (Yule) e permette alcune riflessioni legate al ciclo di crescita e di stabilità.

Alle ore 1:06 del 14 dicembre la Luna, nel suo percorso mensile, ha raggiunto la pienezza e quindi la massima luminosità a 22 gradi dei Gemelli, in perfetta opposizione al Sole Sagittario congiunto a Saturno. Il segno dei Gemelli è legato intimamente a tutto quello che è Duale, facendo sperimentare che è possibile spostarsi da una polarità all’altra senza per questo perdere l’equilibrio. Questa Luna Piena contiene in potenza proprio questo insegnamento, ovvero che la vera stabilità non è legata alla staticità, ma al continuo adattamento agli eventi, e che per imparare cose nuove è necessario uscire dalla propria zona di confort. Ciò che è statico non ha la possibilità di cambiare dato che il cambiamento avviene nel movimento: la staticità precede il movimento ed è simbolo di tutto il potenziale che si schiuderà. Tutto questo è ben rappresentato dai Simboli di questa Luna: la Ghianda e la Quercia.

La Luna Piena è sempre un punto di maturazione di tutto il ciclo lunare precedente e, mai come in questo momento, sono importanti i temi di resistenza e stabilità. E’ Saturno, in astrologia, a rappresentare sia la stabilità che l’Autorità, anche attraverso l’applicazione della legge, e tutto quello che è connesso al concetto di limite. Saturno, per gli antichi, era la divinità che si poneva sulla soglia dell’aldilà ed era preposto al giudizio. E’ da tali caratteristiche che è derivata gran parte della sua reputazione di “maestro severo”. L’autorità vera, però, raramente è quella che deriva da imposizioni esterne, obbligando a mantenere un certo comportamento: è semmai il frutto di una scelta di auto-disciplina avendo ben chiari i propri obiettivi. La congiunzione Sole-Saturno opposta a questa Luna gemellina e sbarazzina mette l’accento proprio sulla necessità, al fine di vivere pienamente il proprio lato più sensibile, di impegnarsi in una progressiva educazione ai sentimenti, evitando di confondere gli eccessi di sensibilità con la sensibilità stessa. Il simbolo della Quercia di questa Luna parla inoltre delle radici che vanno in profondità al fine di concedere stabilità anche nel momento più freddo e buio dell’anno, prima della Rinascita della Luce di Yule.

Dal punto di vista astrologico è un Cielo estremamente ricco di aspetti, alcuni dei quali veramente positivi.

Il duetto Sole-Saturno forma un armonico trigono con Urano nel segno dell’Ariete e questo è utile per sperimentare l’autenticità delle proprie idee, vagliandole sul piano pratico e quotidiano. C’è ora la possibilità di prendere consapevolezza dei passi necessari per avviare un nuovo corso di eventi. Urano è un pianeta legato alle rivoluzioni, sia interiori che sociali,  dettate da una mutazione interiore sulla base della percezione imparziale degli eventi. E’ un aspetto legato all’autonomia, alla realizzazione e all’autosufficienza, avendo però ora la certezza di possedere tutte le risorse necessarie per cavarsela: Giove in sestile suggerisce al Sole-Saturno proprio questo.
Gran parte della consapevolezza di cui sto parlando dipende anche dalla capacità di elaborazione delle delusioni e delle ferite del passato: Sole- Saturno in quadratura a Chirone ha il compito proprio di farvi vedere che l’elaborazione e l’integrazione dei vissuti rappresentano la memoria e l’insegnamento più forti. Chirone, assieme a Nettuno, è l’unico elemento del cielo odierno ad essere nell’elemento acqueo e questo ha una enorme rilevanza sul piano delle emozioni.
E’ consigliabile, nei prossimi tre giorni, sondare con attenzione il vostro mondo emotivo, osservando particolarmente tutte quelle sensazioni che considerate sporche o sbagliate: Chirone vi renderà più sensibili e, per chi ha un tema di nascita aperto in tal senso, aumenta la possibilità di cogliere insegnamenti importanti attraverso il mondo onirico.

Questa luce lunare di fine autunno fotografa in questo istante anche la presenza di una configurazione planetaria di tensione, la croce a T formata da Plutone-Giove-Urano, che mette sul piatto della bilancia i principali temi che abbiamo incontrato in questo 2016. Questa è una configurazione veramente intensa che si fa avvertire attraverso sensazioni di urgenza dato che Giove in Bilancia tende ad espandere la necessità di cambiamento dettata da Urano, portando anche allo scoperto tutto quello che Plutone in Capricorno smuove a livello inconscio. C’è una forte sete di giustizia, sia a livello sociale che nelle vite personali. Trattandosi di transiti lenti, l’effetto si fa ovviamente avvertire prima di tutto a livello collettivo, mentre sul piano personale dipende dalla conformazione del proprio tema di nascita.

In conclusione il momento che stiamo vivendo con questa Luna Piena permette di guardare con imparzialità quello che non ci piace della nostra natura senza però giudicare questi elementi come immodificabili o terribili. La Luna in Gemelli permette di riacquistare parte del proprio animo innocente in modo da poter viaggiare leggeri, seppur con le idee ben chiare, senza perdersi d’animo di fronte alle sfide che la vita ci lancia. Non c’è niente, nella propria personalità, che non abbia una buona ragione per esistere: anche gli aspetti peggiori si sono formati nel tempo per permettere alla Quercia che siamo di raggiungere quella stabilità che permette di crescere.

 

Buona Luna Piena a tutti ^_^

 

 

Credit: Javier Jaén

Mercurio retrogrado: impedimento o carburante?

Ci sono degli argomenti hot che più di altri scaldano gli animi dei lettori delle riviste e rubriche astrologiche, e sono purtroppo le stesse cose attorno alle quali si creano più forti pregiudizi e paure (e ai quali mi trovo più spesso io per prima a rispondere).

Quello che ho imparato in tanti anni di studio della materia è che in questi casi la maggioranza ha sempre torto.
E non potrebbe essere altrimenti: una materia così complessa, e in cui tantissimo dipende da un lavoro personale minuzioso di introspezione e ricerca, viene per forza di cose generalizzata per funzionare da “esorcismo” verso paure ed angosce comuni.
E così, accanto al famigerato Saturno contro che avrebbe effetti devastanti sulle relazioni, alle rivoluzioni solari malefiche che bisognerebbe ricollocare spostandosi sul globo terrestre ad ogni compleanno, a Saturno (di nuovo lui, capro espiatorio per eccellenza) in ottava casa o sull’ascendente, un posto del tutto particolare ce l’ha il piccolo Mercurio che, almeno tre volte all’anno, incomincia a muoversi in un moto apparentemente retrogrado, ovvero seguendo una traiettoria opposta a quella che ha normalmente, e che sarebbe la “causa” diretta di contrattempi e di rallentamenti, incidenti di tutti i tipi e sciagure varie, mostrando quindi la sua faccia più dispettosa.

Chiaramente tutte queste profezie di sventura non possono essere minimamente prese sul serio e anche il fenomeno della retrogradazione di Mercurio va un po’ ridimensionato.

 

Da dove iniziare: uno sguardo all’astronomia e all’astrologia

Credo che prima di tutto sia utile capire come funziona il fenomeno dal punto di vista astronomico dato che, sebbene ci si stia muovendo in un ambito simbolico, non possiamo prescindere da quello che accade realmente in cielo, mentre per un ottimo approfondimento astrologico rimando all’articolo collettivo della Mailing List di Mary Olmeda, “Convivio astrologico”.

In sintesi il movimento retrogrado dei pianeti (contrassegnato dalla lettera R nelle effemeridi) è un’illusione ottica di moto retrocedente provocata dalla diversa velocità angolare della Terra rispetto agli altri pianeti. In sintesi ancora più stringata è l’illusione che i pianeti si muovano all’indietro rispetto al resto del cielo, ritornando quindi sui propri passi.

Il consiglio di approfondire e di indagare non è superfluo dato che, avendo l’Astrologia a che fare con il mondo dei Simboli e delle Immagini, è importante costruire un personale vocabolario mentale  di quei Simboli che solo un po’ alla volta diventeranno un bagaglio culturale. Fino a quel momento si penderà sempre un po’ dalle labbra dello studioso ed interprete di turno, ma è importante non abbandonare mai lo spirito critico perché il rischio è quello di scivolare in un clima di superstizione acritica molto pericoloso.
In maniera simile a quanto scritto per quanto riguarda le previsioni mensili, anche in questo caso mi sento in dovere di fornire un’ulteriore precisazione:

qualsiasi pre-visione (e quindi anche questa), per quanto complessa e frutto di un lavoro anche pignolo può fornire solo ed esclusivamente una traccia e mai una vera e propria prescrizione di comportamento

ovvero

è necessario tener sempre a mente che l’interpretazione dei fenomeni del Cielo da un punto di vista simbolico su larga scala è più che altro un gioco tra astrologo e lettore, uno stimolo alla riflessione e alla sperimentazione, allo stupore di fronte ai processi irrazionali della Psiche, una linea da seguire per avvicinarsi al linguaggio degli archetipi planetari.

 

Cosa rappresenta Mercurio in astrologia e perché fa così  paura quando è retrogrado?

 

Mercurio è l’archetipo più adattabile di tutti, ovvero quello che riesce a mimare perfettamente le caratteristiche di cui ha bisogno e a farle proprie per un po’, “scimiottando” il temperamento degli altri dei/pianeti (e non a caso, l’astuta Scimmia è uno dei suoi simboli). E’, in sostanza, il mercurio alchemico inafferrabile e per questo “ponte” tra conscio ed inconscio. Ed è proprio questa capacità di adattamento che in genere viene un po’ a mancare nei periodi di retrogradazione.

Con il suo moto retrogrado Mercurio si prende una pausa dalla manifestazione esteriore per dedicarsi alla contemplazione e alla riflessione.

Non diventa meno veloce come alcuni intendono, ma la sua velocità è totalmente introvertita, portata cioè all’indagine e alla curiosità per i processi interiori.

Detto in parole povere si tenderà a diventare un po’ pensierosi: ci potranno essere degli stop e/o si potranno subire dei contrattempi nella vita proprio perché diventa prioritario occuparsi della propria vita inconscia ed intima.
Hillman riporta, in uno dei suoi testi, che “Hermes si situa sui confini” ed è anche questa caratteristica che emerge nei momenti di retrogradazione, ovvero saranno proprio i confini/limes tra conscio ed inconscio a farsi più sottili: l’attenzione cala ed è più probabile che si verifichino lapsus, disattenzioni e che si dicano cose in apparente contraddizione con quello che abitualmente si fa. Il che non è proprio il massimo se si ha a che fare con gli altri, se si ha qualche problema pendente con il partner e non è l’ideale nemmeno se si devono tenere dei colloqui di lavoro: è solo per questo che negli oroscopi si consiglia di evitare di stipulare dei contratti in questi momenti o, in generale, prendere decisioni affrettate.

 

Come faccio a valutare in che modo la retrogradazione agirà nel mio caso?

E’ importante capire in che settore del proprio tema di nascita abbia inizio la retrogradazione per capire in che modo potrà esprimersi (magari utilizzando di software di calcolo astrologico on-line):

* in che casa cade?
* ci sono congiunzioni o aspetti a pianeti?
* Mercurio di nascita è anch’esso retrogrado? (in questo caso gli effetti tendono ad attenuarsi un po’)

Se però non avete dimestichezza con i calcoli astrologici potete tenere conto solo della casa solare in cui cade, considerando come prima casa quella in cui risiede il vostro Sole e contando quanti segni lo separano da Mercurio (es: se il Sole di nascita è in Sagittario, Mercurio retrogrado in Capricorno sarà nella seconda casa solare, il segno successivo. Non confondetevi con le case astrologiche che sono invece legate all’ascendente). Questo è quello che viene solitamente fatto nelle previsioni generali che si trovano in edicola e on-line.

Il settore dell’oroscopo in cui ha inizio la retrogradazione è l’ambito in cui, con maggior probabilità, Mercurio manifesterà le sue reticenze, in cui sarete chiamati ad interrogare voi stessi sulle reali motivazioni delle vostre azioni (o anche… mancate azioni). Saranno, in sostanza, le questioni che vi daranno maggiormente spunti su cui meditare.

 

Uno sguardo generale a Mercurio Retrogrado nelle Case

Di seguito riporterò alcune indicazioni degli effetti della retrogradazione di Mercurio nelle varie case, ma, come ho premesso, sono solo degli spunti di riflessione e nemmeno sempre seri.

Mercurio R in I casa
Questa è l’area del vostro tema legata all’immagine che date all’esterno, il modo in cui gli altri vi percepiscono. E quindi, se non starete più che attenti ai segnali di disagio che potreste provare in certe situazioni (segnale interiore che c’è qualcosa che stride tra il vostro modo di essere e quello di apparire) potreste dare un’immagine di voi distorta (o apparire poco coerenti). Siccome sappiamo, però, che non esiste un male che non possa in qualche modo tornar utile, cogliete i segnali dell’esterno per capire in quali ambiti è necessario che cambiate un po’ rotta, rivedendo magari qualche posizione e preconcetto. Fate un bel respiro prima di parlare, ascoltate gli altri e non credete a tutto quello che vi viene detto.

Mercurio R in II casa
Mercurio nella casa dei valori e della necessità di sicurezza già di suo non è a suo agio, bisogna ammetterlo. Anche perchè, mitologicamente, il suo modo di procacciarsi le risorse non era sempre onesto. Il consiglio è quello di non lanciarvi in spese folli (che è quello che sareste portati a fare) in barba al vostro conto in banca, quanto piuttosto chiedervi se questa necessità è mossa da qualche carenza che in questo momento emergerà con più forza. La sicurezza è un concetto illusorio, specie se vincolata a dei beni che possono mancare da un momento all’altro. Però in questo momento non sarete ciechi alle occasioni, tutt’altro: Mercurio affinerà il vostro intuito su possibili affari futuri (che è meglio aspettiate a concretizzare).

Mercurio R in III casa
Ed eccoci approdati ad una delle case in cui Mercurio si trova più a suo agio, collegata alla comunicazione e agli spostamenti veloci. La retrogradazione in questa sede è quella che potrebbe risultare più noiosa: la vostra mente sarà affollata da pensieri, da idee e sarete iper-stimolati. L’unico problema è che ogni pensiero sembrerà andare per i fatti suoi e, se cercherete di spiegare qualche concetto a chi vi sta a fianco, potreste avere qualche “leggera” difficoltà. Questo non è il momento ideale per esprimervi (e, scaramanticamente, nemmeno per spedire pacchi preziosi via posta) quanto piuttosto per riflettere su questioni riguardanti il vostro ambiente (che ne direste di affrontare una vecchia questione con un fratello o una sorella?). Inoltre, se siete soliti scrivere o inviare mail da lavoro, fatevi un enorme favore: rileggete quello che avete scritto prima di spedirlo e controllate sempre il destinatario. Poi non vi lamentate se spedite una mail focosa d’amore al vostro capo invece che al partner.

Mercurio R in IV casa
La quarta casa è una casa lunare e quindi è in questa sede che a Mercurio piace ri-andare con la mente alle cose del passato. Sarà proprio in questo senso che agirà nel vostro caso, riportandovi alla memoria delle cose che avevate dimenticato (e non è detto che siano incisive e importantissime. Potreste anche ricordarvi dal niente dei Paciocchini con cui giocavate da bambini e che avevate completamente rimosso). E’ inutile dire che il transito qui può essere usato al meglio per ri-affrontare e ri-definire problemi del passato, specie se riguardano la vostra genealogia. Se siete in procinto di vendere/acquistare casa e in questo periodo dovesse capitarvi il colpaccio (quei colpi di fortuna che si stenta a crederci e che se lo raccontaste al bar agli amici sarebbe tutta una profusione di pacchette sulla schiena)… ecco, proprio questo colpo di fortuna probabilmente non è un quello che sembra e potreste trascurare qualche dettaglio. Attendete il termine della retrogradazione e intrattenete i vostri interlocutori con le vostre indubbie doti teatrali di temporeggiamento.

Mercurio R in V casa
Sebbene il baby sitting sia per voi sconsigliato in questo momento a causa della scarsa capacità di comprendere i segnali dei bambini, il risvolto piacevole della situazione risiede nel fatto che diventerete invece più sintonizzati con coloro che hanno questi problemi di espressione e comunicazione dalla nascita. Sarete empatici e profondi nell’analisi della creatività altrui e se doveste capitare in qualche mostra di pittura o a qualche concerto potreste restare sorpresi facendo un figurone con gli amici per la facilità con cui entrerete in sintonia con il messaggio (probabilmente a dispetto della scarsa compatibilità del messaggero). Cercate di non saltare a conclusioni affrettate di fronte alle avances di qualcuno: potrebbero essere o non essere avances, nessuno può saperlo, ma quasi certamente capirete Roma per Toma. Fatevi corteggiare un po’ più a lungo e ricordatevi un precetto fondamentale che vale tutto l’anno, ma che diventa urgente ricordare ora: la minestra riscaldata non è molto digeribile.

Mercurio R in VI casa
Anche in questa casa, come nella terza, Mercurio starebbe perfettamente a suo agio se non fosse che, con la retrogradazione, il rischio di fraintendere ad esempio i messaggi del corpo, esagerandone la portata e creandovi un loop poco piacevole è alto. Dite di no all’ipocondria! Tanto è quasi certo, a meno che non siate dei medici, che fraintendiate alla grande.  La vostra accresciuta attenzione per il corpo è semmai un invito a prendervi cura di voi stessi in ogni aspetto del quotidiano.

Mercurio R in VII casa
Mercurio retrogrado nella casa della comunicazione all’interno della relazione potrebbe mettere in risalto in quali ambiti della relazione tendete a chiudervi a riccio, smettendo di comunicare con il partner. Quali punti, se toccati, vi portano a vedere il vostro o la vostra partner come molesti e nemici senza possibilità di ritorno? Ecco, quei punti parlano esattamente di una vostra fragilità su cui sarete chiamati a riflettere e a misurarvi con la vostra dolce metà. Fate una bella litigata, trattenetevi dal dire tutto quello che vi passa per la testa e lasciate che anche il partner (che avrà Mercurio retrogrado da qualche parte come voi) dica la sua (anche se voi lo capirete in maniera molto creativa). Poi farete pace e sarà bellissimo. In generale l’occasione è d’oro per trovare nuovi modi per esprimere la vostra unicità all’interno del rapporto.

Mercurio R in VIII casa
Di solito questa è una delle case che creano maggior panico perché viene collegata alla morte. In realtà è vero che una parte di voi è pronta a morire in questo momento ed è quella parte che ha necessità di tenere accesi dei debiti per mantenere dei legami con qualcuno. L’ottava casa è legata al concetto opposto alla sicurezza che troviamo nella seconda casa e che si esprime attraverso l’esperienza dell’abbandono: con Mercurio retrogrado in questo settore i vostri pensieri tenderanno ad andare naturalmente a riprendere in mano i vissuti di abbandono per poter dare loro una nuova colorazione. Hermes si trova particolarmente a suo agio in questa sede: lasciate che vi dia lo stimolo per indagare in che modo curare qualche ferita.

Mercurio R in IX casa
In questo momento, più che in altri, vi è nemica la fretta. In questa sede Mercurio si fa filosofo ed indagatore e avrete sete di spiritualità. Ed è dietro a questo bisogno che potrebbe nascondersi il rischio più grande, che è quello di aderire in maniera cieca a qualche credenza o a qualche movimento. Lasciate perdere le convention di filosofia e spiritualità e sfuggite come la peste eventuali dibattiti, anche se vi si dovesse presentare l’occasione di dire come la pensate al guru di turno. Sarete infiammati di passione, probabilmente vi sembrerà di capire per la prima volta alcuni concetti che non afferravate, ma tenete presente che questa Verità non è esportabile. E’ qualcosa che molto probabilmente serve solo a voi e solo in questo momento.

Mercurio R in X casa
Si dice che questa posizione non sia propizia alla realizzazione professionale (e ancor meno all’avvio di una collaborazione, come durante i colloqui o i test attitudinali) e da un certo punto di vista questo è vero. Ma questo non significa che eventuali occasioni vengano bruciate. Molto dipende dalla vostra capacità di ascoltare quello che vi viene chiesto, dando spazio al vostro interlocutore, piuttosto che facendo affidamento sul carisma che sentirete di avere. Se preferirete parlare che ascoltare darete solo l’impressione di essere poco adattabili e poco ricettivi e verrete “bruciati”.

Mercurio R in XI casa
La lezione più importante potrebbe arrivare a voi se guarderete tra le vostre amicizie (va bene anche prendere in mano il vecchio album delle fotografie della compagnia), andando con la memoria al passato e vedendo quali rapporti sono finiti per motivi che non sapete collocare. La profondità di questo Mercurio vi permetterà, infatti, di re-interpretare alcune vecchie questioni e, se la vita lo permette, anche di re-incontrare persone che avete perso di vista, ma con cui avete avuto un rapporto che va oltre la semplice conoscenza. Potrebbe ad esempio succedere che un vecchissimo amore si ripresenti sotto altra luce e, consci della fine della passione e del romanticismo, possiate recuperare il rapporto in altra veste.

Mercurio R in XII casa
In questa casa Mercurio si fa più pensieroso e riflessivo che mai, portando le riflessioni al riesame di vecchi fantasmi e vecchi dolori che ormai sono sbiaditi e lontani. In questo scenario Mercurio sarà una guida tra la nebbia dei ricordi e potreste in effetti apparire anche un po’ svampiti ed annebbiati: ed è per questo motivo che l’invito è quello di essere chiari e concisi con le persone che si rivolgono a voi. Rifuggite le situazioni ambigue, non lasciate spazio alle interpretazioni e prendete la palla al balzo per liquidare una volta per tutte un vecchio smacco che vi trascinate dietro come se fosse una palla al piede.

astrologia_immaginale_luna_toro

Luna piena in Toro 14/11/16

“Nessuna scelta è priva di rimpianti.”
(M. Zimmer Bradley)

Luna Piena grande e luminosa come non accadeva dal 1948, si formerà nel 22° grado del Toro, in opposizione al Sole in Scorpione e rappresenterà il culmine della lunazione della Nebbia e degli Antenati.

 

Lo Scorpione è il segno della mutazione profonda: sarà solo attraversando le acque interiori che si potrà rinascere forti di una nuova esperienza.

 

La Luna Nuova del 30 ottobre, che ha dato inizio al ciclo che oggi vede la sua massima espansione, si è formata nel periodo più magico dell’anno, vicino a Samhain.
Molte tradizioni parlano di finestre temporali in cui è possibile percepire quello che è nascosto dietro il velo: la nebbia che avvolge le nostre campagne è carica di presenze del passato che serbano il ricordo di ciò che è stato.

La Luna Piena degli Antenati

Gli Antenati,  amorevoli aiutanti dell’umanità, in questi momenti si fanno sentire per agevolare il distacco: dalle cose superflue, dagli attaccamenti tossici, dalle dipendenze affettive, dalle fonti di sofferenza. E questo distacco è esso stesso molto spesso doloroso ed inaccettabile, ma è solo attraverso la morte del vecchio che è possibile nutrire il nuovo. Lo Scorpione, in cui la Luna Nuova si è formata, è il segno della mutazione profonda: sarà solo attraversando le acque interiori che si potrà rinascere forti di una nuova esperienza.
La Luna Piena si perfezionerà alle 14:53 del 14 novembre 2016, ora italiana, nel segno del Toro. Venere, il pianeta che governa il Toro, ha fatto da alcuni giorni il suo ingresso nel Capricorno e al momento della Luna Piena è completamente priva di aspetti. In astrologia quando un pianeta è privo di aspetti (isolato) diventa particolarmente forte nel veicolare il significato della posizione che riveste: l’archetipo diventa in quel momento incisivo e dominante. E il cielo di oggi sarà importante per mettere in Luce tutti i temi che il pianeta Venere veicola: sicurezza e valore di sé.
Luna e Sole, incastrati nell’opposizione, formano un duetto a sé non avendo grossi contatti con il resto dei pianeti.
E’ un momento di sospensione assoluta in cui sarà però possibile stabilizzare il proprio mondo interiore, specie quello emotivo.

Le domande più urgenti saranno quelle legate al proprio valore:

“In base a cosa io mi do valore?”
“Cos’è o chi è che decide il mio valore agli occhi del mondo?”

ed è proprio in questo che il ricordo di chi ci ha preceduto e l’esempio dato servirà da guida. Non come fonte di sterile imitazione, sebbene secondo Sant’Ignazio Di Loyola questo sarebbe già un buon punto di partenza, ma come modello di ispirazione.
Ognuno di noi maturerà una risposta diversa, calibrata sulla propria vita e sulle proprie scelte. E anche se noi siamo parte di una narrazione familiare e collettiva, non siamo solo questo.
Il nostro valore è dato dalle scelte, tema caro a Venere, e da quanto siamo disposti a rinunciare per onorarle. Astenersi dallo scegliere è impossibile, insegna Venere in Capricorno, dato che l’automatismo dell’essere umano lo porta sempre a spostarsi dalla sofferenza al benessere: ed è proprio in questa dinamica che è possibile capire che anche la non-scelta, alla fine, è una presa di posizione di cui diventare responsabili.
Il Toro è il segno di esaltazione della Luna, ovvero è uno dei segni in cui si trova più a suo agio: le emozioni si fanno stabili e il nutrimento, sia materiale che spirituale, diventa fonte di sicurezza.
Sarà importante, per le prossime due settimane, prestare particolare attenzione a come ci si nutre, sia dal punto di vista alimentare che psichico. Ci si nutre, spesso, in base a quello che si pensa di valere: una buona idea è quella di rendere sacro almeno uno dei pasti dei prossimi giorni, gioendo anche dei piaceri della tavola. Organizzando una cena romantica solo per voi, ad esempio.

In Toro  le emozioni si fanno stabili e il nutrimento, sia materiale che spirituale, diventa fonte di sicurezza.

Chirone nel segno dei Pesci, in sestile alla Luna Toro e in trigono al Sole Scorpione, indica che sarà possibile dare vita ad un cambiamento importante se saremo in grado di vedere con sincerità cosa immettiamo nella nostra vita e di cosa ci liberiamo.
Questa Luna avrà effetti più o meno incisivi a seconda della struttura del proprio tema di nascita.
Chiaramente le persone che la avvertiranno maggiormente sono coloro che hanno pianeti di nascita in Toro/Scorpione e Vergine/Capricorno. Saranno loro a beneficiare maggiormente degli influssi più armonizzanti, sebbene non senza alcune rinunce.
Per chi ha pianeti sull’asse Leone/Acquario questa Luna potrà essere vissuta con maggior tensione, ma gli effetti positivi non tarderanno a farsi sentire.
Cancro e Pesci potranno essere veicolo di cambiamento per le altre persone, mentre Ariete/Bilancia e Gemelli/Sagittario saranno i segni con maggiori probabilità di colpi di scena.

 

Volontà e libero arbitrio: una questione spinosa

astrologia-immaginale

 

Scrive Ernst Bernhard, nella sua unica opera pubblicata “Mitobiografia” (e di cui consiglio la lettura):

L’oroscopo, che già nel momento della nascita o ancora prima determina il destino umano quale espressione di una costellazione fondamentale, non lascia alcun dubbio che siamo davanti ad una legge che va molto al di là del caso e dell’arbitrio.
Spiegabili tali cose non lo sono. Esistono e vanno sperimentate come tali. Ma la loro conoscenza fa sorgere nell’uomo un sentimento dal cui approfondimento tutto dipende. Il sentimento del grande mistero dietro la nostra esistenza, che in tal modo non è casuale, ma procede da un fondo inconoscibile. Speculativamente tutti i sistemi metafisici e le dottrine religiose partono da qui. Ma essi stessi sono a loro volta espressione del mistero, dunque sono tutte verità o meglio realtà.
L’essenziale è che questa misteriosa dipendenza sia sperimentata e che la vita individuale sia vissuta quale espressione di quel compito che, ad esempio, è indicato nell’oroscopo.“.

E’ chiaro che, per noi figli della modernità, è difficile rinunciare all’idea che l’essere umano sia nato libero da influenze esterne e che possa in ogni momento esercitare la propria suprema volontà, che corrisponde nel 90% delle volte alle pretese dell’Io (e in chiave astrologica a Marte, primo ministro nel governo del Re assoluto, il Sole): questa, infatti, è la maggior critica mossa a noi astrologi, ovvero che facciamo dipendere le scelte umane da qualcosa di esterno alla volontà. Eppure è anche chiaro, per un osservatore onesto che non abbia paura di guardare direttamente in faccia ciò che emerge dal mare dell’Inconscio, che nessuno è realmente libero: i ricordi ad esempio, dimoranti nel regno della Luna, sono il fondamento e sono impressi nel corpo oltre che nella mente, guidando le scelte automatiche. In psicologia questi automatismi di scelta, frutto dell’abitudine, sono chiamate “euristiche di giudizio” e sono le tendenze che noi astrologi vediamo nel tema natale, ovvero nell’oroscopo personale di ognuno. Nella tradizione ermetica è la corrente lunare che va rettificata, svegliando il Re Dormiente e Sacrificato.

E’ un lento lavoro che si compie, per forza di cose, grazie all’incontro tra l’astrologo, che porta i suoi studi e la sua tecnica, e il consultante, l’unico realmente responsabile di rendere reale una lettura invece che un’altra.